Benessere
Insonnia, i rimedi per dormire meglio

rimedi_sonno_litelife

Vi è mai capitato di fare fatica ad addormentarvi o di svegliarvi nel cuore della notte e di non riprendere più sonno?
L’insonnia, purtroppo, è un problema che colpisce non poche persone e le cause che la provocano sono svariate. Alcune risolvibili in maniera semplice, altre con un po’ di impegno in più.

Vogliamo consigliarvi alcuni rimedi per evitare di continuare a rigirarvi nel letto cercando invano un po’ di pace o di fissare l’orologio aumentando il nervosismo. Ci soffermeremo anche sull’insonnia dovuta all’afa estiva, tra sudorazione ed irritabilità.

Rimedi per l’insonnia

Relax

Il principale nemico del risposo è lo stress. Se conducete una vita molto stressante, a causa del lavoro o di problemi privati, il vostro sonno ne risentirà, provocandovi ancora maggiore stress ed irrequietezza. Di notte dovremmo lasciare da parte tutti i pensieri e le preoccupazioni, invece li portiamo con noi.

Un rimedio per trovare una via di fuga, a partire dalle ore diurne, è quello di concedersi un massaggio che non solo distenda gli ormai tesissimi muscoli, ma rilassi anche la mente allontanando le ansie.
La nostra SPA a cinque stelle dispone di massaggiatori esperti a cui potrete affidarvi completamente per ritrovare la quiete desiderata.
Molto efficaci possono essere anche i percorsi benessere che vi permettono di rilassarvi in una piscina jacuzzi o in una sauna finlandese. Il relax iniziato di giorno, gioverà anche al riposo notturno.

Yoga

La meditazione è un ottimo rimedio per trattare l’insonnia. Frequentare dei corsi di yoga non solo aiuta a stare bene con se stessi, ma anche a ridurre i disturbi del sonno. Le ore di sonno aumenteranno, ma migliorerà anche la qualità delle stesse. Questo perché la respirazione diventerà più profonda, che aiuterà a dormire meglio, il sistema immunitario si rafforzerà e si ridurranno le tensioni emotive e fisiche.

Respirazione e visualizzazione

Per conciliare il sonno potete far ricorso ad alcuni stratagemmi nel momento in cui vi coricate. Potete agire sulla respirazione, cercando di respirare in maniera più profonda e lenta possibile. Da sdraiati, portate una mano sull’addome e l’altra sul petto, inspirate ed espirate molto lentamente e, durante il processo, concentratevi sul respiro, quasi come se riuscite a “vederlo”. E’ una tecnica che vi aiuterà a rilassarvi e lasciarvi pian piano tra le braccia di Morfeo.

Anche la visualizzazione è una buona pratica che fa leva sull’immaginazione. Visualizzate in mente posti piacevoli e rilassanti, come boschi, spiagge, montagne, immaginandone i profumi ed i suoni.

Ascoltare musica ed evitare dispositivi elettronici

Inserite gli auricolari ed ascoltate musica distensiva, senza suoni potenti, e cercate di “seguire” le onde sonore, cacciando via i pensieri negativi.
I vostri nemici, da combattere prima di andare a dormire, sono i display di smartphone e tablet e lo schermo del televisore e del pc. La loro luce artificiale altera il ritmo del sonno, scombinando il vostro orologio biologico. Questo perché viene ostacolata la liberazione della melatonina, l’ormone che induce il sonno.
Evitate di andare a letto subito dopo aver utilizzato uno di questi dispositivi.

Evitare alcool

Anche se le sostanze alcoliche provocano sonnolenza e abbattimento, allo stesso tempo disturbano il sonno. Maggiore sarà la quantità assunta, minori saranno le ore di sonno. Anche in questo caso, i cicli del sonno saranno alterati, rovinandone anche la qualità. Inoltre, possono favorire il russare.

Bicchiere di latte caldo

Il latte contiene un amminoacido, il triptofano, che provoca una leggera azione sedativa. Soprattutto se caldo, un buon bicchiere di latte aiuterà a conciliare il sonno.

Rimedi contro il caldo

L’estate peggiora le cose, e l’afa notturna agisce ancora di più sulla melatonina, provocando molti disturbi del sonno. Tra sudore e umidità, dormire diventa un’impresa.
Come primo rimedio, dovrete cercare di rinfrescare la stanza. Azionate il condizionatore in modalità deumidificatore, ma fatelo un’ora prima di andare a letto, senza riaccenderlo dopo (rischiate dolori o un raffreddore!). In alternativa, accendete il ventilatore, ma non puntatelo direttamente su di voi.

Un buon modo per abbassare la temperatura corporea è quello di fare una doccia tiepida (non calda), che contribuirà anche a rilassarvi.

Inoltre, cenate con cibi rinfrescanti che aiutano la termoregolazione e vi aiutano a reintegrare i liquidi persi.

Infine, cercate di rinfrescare le lenzuola con alcune sostanza naturali da spruzzare, come la lavanda.